Risotto agli asparagi (non si rifiuta mai!)

Risotto agli asparagi
di Sergio Maria Teutonico

Non è proprio periodo di asparagi ma io ne ho trovati un po’ che mi sembravano belli e allora ho pensato che un risotto agli asparagi non si rifiuta mai!
Le regole per un buon risotto sono sempre le stesse: NON USATE I DADI GRANULARI! (Per dirne una!)
In questo caso ho fatto un brodo con gli scarti degli asparagi ben lavati, non si butta via nulla! Il risotto agli asparagi è perfetto per una cenetta romantica, come qualsiasi piatto che necessiti di cura ed eleganza per essere preparato!
Ingredienti per 4 persone
320 g Riso Vialone nano
1 mazzetto di asparagi freschissimi
1 scalogno
100 g di vino bianco
30 g burro
olio extravergine di oliva
Parmigiano Reggiano
sale
risotto agli asparagi
Lavate accuratamente gli asparagi eliminando le parti coriacee. Tagliateli a pezzetti e, se volete, tenete qualche cima per decorare il piatto.
Tritate finemente lo scalogno e fatelo sudare con dolcezza in una casseruola dove avrete messo a scaldare in parti uguali burro e olio. Aggiungete gli asparagi e fateli saltare per pochi attimi con lo scalogno. Aggiungete il riso e fatelo tostare con pazienza e a fuoco non troppo alto. Con gli avanzi degli asparagi, se non sono troppo terrosi, avrete preparato un brodo vegetale che utilizzerete, un po’ alla volta, non appena avrete sfumato il riso con dell’ottimo vino bianco.
Aggiungete il brodo, filtrandolo se serve, un mestolo alla volta aspettando che si sia asciugato il precedente.
Arrivati a cottura, ci vogliono circa 16­18 minuti ma controllate sempre, aggiungete una noce di burro a fuoco spento e una presa di Parmigiano Reggiano.

ISCRIVITI AI NOSTRI CORSI DI CUCINA

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricamento in corso …

0

Scritto da Sergio Maria Teutonico

Classe
1971, Consulente per la ristorazione, Executive Chef, Sommelier
professionista, esperto di analisi organolettica e scrittore di
successo.
E' nato a Milano nel 1971, città che lo ha visto muovere i suoi primi
passi in ambito enogastronomico.
Insegna nella sua scuola di cucina a Torino "La Palestra del Cibo" e negli
anni è stato protagonista di molti fortunati programmi televisivi tra
cui "Chef per un giorno" e "Colto e mangiato".

Tagliatelle al Barbera con semi di papavero e crema di Grana Padano

Tagliatelle al Barbera con semi di papavero e crema di Grana Padano

Tortine alle nocciole con crema al gianduia

Tortine alle nocciole con crema al gianduia