Crema di fagiolini con alici fritte e timo limone

Crema di fagiolini con alici fritte e timo limone
di Sergio Maria Teutonico

Oggi ho voluto preparare una crema di fagiolini con alici fritte e timo limone, un piatto fresco e, seppure con la presenza di frittura, molto leggero! Le alici fritte si sposano benissimo con la crema di fagioli sia per una questione di sapori che si compensano sia per un giusto equilibrio delle consistenze. Se posso darvi un consiglio, e se proprio avete voglia di trasgredire, usate le alici fritte come fossero delle patatine con cui raccogliere la crema di fagiolini!
 
crema
Ingredienti
400 g di fagiolini
250 g di alici fresche
1 limone
2 rametti di timo limone
farina
olio extravergine d’oliva
10 pomodorini
sale
pepe
Pulite le alici eliminando la testa, la lisca e le interiora, apritele a libro avendo cura di non dividere i due filetti.
Lavatele e asciugatele tamponando i filetti con della carta da cucina.
Lavate e mondate i fagiolini, lessateli per circa 10 minuti in acqua bollente salata e scolateli tenendo da parte un bicchiere di acqua di cottura.
Frullateli con qualche fogliolina di timo limone, un filo di olio e aggiungete l’acqua di cottura fino a raggiungere una consistenza cremosa.
Versate l’olio abbondante in una pentola dai bordi alti e scaldatelo.
Nel frattempo infarinate le alici; quando l’olio sarà caldo friggetele e appena saranno dorate disponetele su carta da cucina per farle asciugare.
Versate la crema di fagiolini nei piatti, magari aiutandovi con un coppapasta, salate le alici e sistematele al centro di ogni piatto; terminate con qualche pomodorino confit e una grattata di scorza di limone.

TI ASPETTO NELLA MIA SCUOLA DI CUCINA 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricamento in corso …

0

Scritto da Sergio Maria Teutonico

Classe
1971, Consulente per la ristorazione, Executive Chef, Sommelier
professionista, esperto di analisi organolettica e scrittore di
successo.
E' nato a Milano nel 1971, città che lo ha visto muovere i suoi primi
passi in ambito enogastronomico.
Insegna nella sua scuola di cucina a Torino "La Palestra del Cibo" e negli
anni è stato protagonista di molti fortunati programmi televisivi tra
cui "Chef per un giorno" e "Colto e mangiato".

VAFFANCICCIA-2018-STROZZAPRETI-CON-RAGU-DI-SEITAN-E-VERDURE-5.jpg

Strozzapreti acqua e farina con ragù di seitan e verdure

granchio2.jpg.jpg

Il granchio nel cestino