Come preparare le friselle in casa

Come preparare le friselle in casa

di Sergio Maria Teutonico
 
Sono il tipico pane biscottato pugliese e campano a base di farina bianca o integrale, acqua e lievito di birra, che grazie al tipo di cottura doppia può essere conservato a lungo e consumato dopo essere stato immerso in acqua e condito secondo tradizione con pomodoro, aglio, olio extravergine d’oliva e origano.
Come tutte le preparazioni fredde, fresche ed estive, le friselle possono essere una vera esplosione di fantasia quindi secondo il vostro gusto potrete scegliere e inventare il condimento che più vi piace…non c’è suggerimento che tenga se non quello di usare la fantasia.
Ma avete mai pensato di prepararle con le vostre mani?
Vuoi mettere la soddisfazione di organizzare una cena fredda in terrazza con gli amici in una calda sera di agosto e di servire coloratissime friselle fatte in casa?
friselle al tonno e olive
 
Ingredienti:
600 g di farina
3 g di lievito di birra (sciolto in 3 cucchiai di acqua tiepida)
un cucchiaino di sale
acqua q.b.
Mescolate sale e farina, fate la fontana sul banco da lavoro e versate al centro il lievito sciolto.
Lavorate il tutto aggiungendo qualche cucchiaio di acqua, dovrete ottenere un impasto leggermente più sodo di quello della pizza per intenderci.
Dividete la pasta in 6 panetti, allungateli con il palmo delle mani e chiudeteli a ciambella.
Sovrapponete le ciambelle a due a due pressando leggermente, disponetele su una placca da forno ben distanziate tra di loro e lasciatele lievitare coperte da un canovaccio leggermente umido per 50 minuti.
Infornate a 180° per 30 minuti dopodiché tiratele fuori dal forno e dividetele a metà orizzontalmente (in Puglia ho visto utilizzare un filo di ferro per questa operazione), sistematele nuovamente sulla placca del forno e terminate la cottura a 150° per altri 40 minuti.
Dovrete farle biscottare dolcemente in modo che non brucino in superficie quindi regolate tempi e temperature anche in base al vostro forno.
Dopo averle sfornate lasciatele raffreddare totalmente in un luogo asciutto prima di conservarle.
 
Provate a condirle in questo modo: una dadolata di pomodori, olive in salamoia, origano, olio extravergine di oliva, origano, cipolla e basilico fresco!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricamento in corso …

0

Scritto da Sergio Maria Teutonico

Classe
1971, Consulente per la ristorazione, Executive Chef, Sommelier
professionista, esperto di analisi organolettica e scrittore di
successo.
E' nato a Milano nel 1971, città che lo ha visto muovere i suoi primi
passi in ambito enogastronomico.
Insegna nella sua scuola di cucina a Torino "La Palestra del Cibo" e negli
anni è stato protagonista di molti fortunati programmi televisivi tra
cui "Chef per un giorno" e "Colto e mangiato".

bigoli alla boscaiola

I bigoli alla boscaiola! Con Chef Teutonico e le Ladies di Radio Capital

Schiacciata di uva

Lo Chef Teutonico e le Ladies di Radio Capital presentano: la schiacciata all'uva!