Chiacchiere o bugie la ricetta perfetta!

Chiacchiere (o Bugie o Frappe o Cenci o Crostoli o Maraviglias!)

Tanti nomi ma un’unica bontà: le chiacchiere sono dolci di carnevale tradizionali che si preparano in tutta Italia, da nord a sud, senza distinzioni geografiche.

La ricetta pare risalga ai tempi dell’antica Roma dove, nel periodo che è poi diventato il Carnevale, preparavano questi dolci fritti nel grasso.

Io ho scelto di proporvi la ricetta classica delle chiacchiere, spolverizzandole alla fine con lo zucchero a velo ma voi potete immergerle per metà (ovviamente dopo averle cotte) nel cioccolato fondente fuso e subito dopo passarle in una granella di pistacchi o potete spolverizzarle con del cacao zuccherato, in alcuni posti li spruzzano di liquore, in altri li servono con una crema di zucchero e mascarpone… spazio al gusto e alla fantasia!

In molti mi chiedono come preparare le chiacchiere al forno, personalmente non lo faccio dal momento che per una volta l’anno che ne mangio le voglio fatte a regola d’arte. Non serve farne un quintale, basta prepararne un piattino per celebrare in famiglia un momento tradizionale senza sensi di colpa legati alla linea!

Wikipedia parla di molti altri nomi con cui chiamare questi meravigliosi quanto semplici dolci!
(Ah,  buon Carnevale!)

Ingredienti:

500 g farina
4 uova
50 g di grappa
40 g zucchero
40 g burro
scorza di arancia o limone grattugiata ( facoltativo)
lievito istantaneo (facoltativo)
olio di semi per friggere
zucchero a velo

Come dovete fare:

Formare un impasto con gli ingredienti, lavorarlo con energia e poi farlo riposare alcuni minuti.
Stendere la sfoglia con uno spessore di tre millimetri aiutandosi con un mattarello ( io uso la macchinetta della pasta)
Ricavarne dei rettangoli di misura regolare che inciderete per lungo una o più volte ( usate una rotella taglia pasta festonata, saranno più belle)
Friggere in abbondante olio caldo.
A fine cottura scolare e cospargere di zucchero a velo.

Commenti

Lascia una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricamento in corso …

0

Scritto da Sergio Maria Teutonico

Classe
1971, Consulente per la ristorazione, Executive Chef, Sommelier
professionista, esperto di analisi organolettica e scrittore di
successo.
E' nato a Milano nel 1971, città che lo ha visto muovere i suoi primi
passi in ambito enogastronomico.
Insegna nella sua scuola di cucina a Torino "La Palestra del Cibo" e negli
anni è stato protagonista di molti fortunati programmi televisivi tra
cui "Chef per un giorno" e "Colto e mangiato".

Crostatine con panna montata "obbligate"

Panini leggeri: le zoccolette