Home foodblog A Chef SMT piace il tuo foodblog: oggi vi presento Giorgia!

A Chef SMT piace il tuo foodblog: oggi vi presento Giorgia!

di Sergio Maria Teutonico
ciambelline

A Chef SMT piace il tuo foodblog
di Sergio Maria Teutonico
Ci avviciniamo a Natale e anche i vostri foodblog cominciano a decorarsi di ricette calde e festose e io di certo non perdo l’occasione di leggervi ed osservarvi! Oggi vi racconto come una donna che si alza alle 5 del mattino e ha tre figli e innumerevoli cose da fare riesce comunque a trovare del tempo per la cucina, che è la sua passione, e per il suo foodblog dove condivide con tutti noi i suoi deliziosi piatti. Ci racconta molto di sé, quindi non le rubo altre righe e passo direttamente alle presentazioni!
Oggi vi parlo del foodblog di Giorgia di Giorgia Passione Cucina!

foodblog
Mi chiamo Giorgia Piras, ho 41 anni e sono una mamma a tempo pieno con la passione della cucina fin da piccolina.
Mi ritengo una persona precisa e seria non amo le falsità di qualunque tipo, per il resto ho tanti difetti ma chi non ne ha? Uno di questi è sicuramente la testardaggine, se mi prefiggo una cosa faccio il possibile per ottenerla.
Anche in cucina non mi arrendo mai piuttosto ripeto una cosa più volte fino a che non mi riesce.
Ho tre figli che mi tengono molto impegnata, la mia giornata inizia presto, alle 5 e mezza circa e va avanti fino a sera inoltrata.
Ho conseguito la maturità artistica, ma per diversi anni la mia professione è stata la macellaia, la cucina però è sempre stata presente nei miei gesti quotidiani.
Ho sempre cucinato tutto dal salato al dolce, amo particolarmente mettere le mani in pasta, e qui che trovo maggior gratificazione nel trasformare le materie prime come la farina, le uova, zucchero….. in qualcosa di speciale, da qui la mia predilezione per le pasta fresca e per i dolci.
Con il passare de tempo ho capito che la mia propensione maggiore è quella nel preparare i dolci in genere e i lievitati.
foodblog
Per me la cucina è un grande atto d’amore verso gli altri e le persone che amo, sono molto attaccata alle tradizioni ma aperta a tutto quello che è innovazione, mi piace sperimentare e creare anche piatti nuovi.
Quando cucino mi sento libera di potermi esprimere, cerco sempre di creare un equilibrio corretto tra gusto e sapore senza tralasciare l’aspetto visivo, perché un piatto si “mangia” prima con gli occhi, riesco ad emozionarmi se è realizzato bene ed apprezzato.
foodblog
Sono una autodidatta tutto quello che so l’ho appreso dai libri e dalla mia personale esperienza, solo recentemente ho frequentato un corso base di pasticceria che mi ha aiutato a perfezionare le tecniche che già conoscevo a livello amatoriale.
Ogni giorno cerco di imparare cose nuove, la cucina è un mondo straordinario dove i cambiamenti e le evoluzioni sono sempre vive.
Voglio imparare tantissimo e migliorare ogni giorno di più.
Potrei dire che è stata mia nonna a trasmettermela ma io credo fortemente che ci siano cose innate e la cucina per me è una di esse.
Il potere della buona cucina può, attraverso un piatto, riportarti indietro nel tempo o darti l’imput verso il futuro, gli odori, le forme e l’amore con cui viene realizzato rende unico e speciale chi lo fa.
foodblog
A fine settembre il mio foodblog compirà un anno, non pensavo di ottenere tante soddisfazioni e gratificazioni, queste sono per me stimolo continuo per creare e fare, sono veramente contenta di aver preso questa decisione.
Successivamente ho portato il blog anche sulla piattaforma di Alice TV dove anche qui ho avuto un ottimo riscontro di gradimento.
Ho deciso di aprire un foodblog proprio perché quello che sento e cerco di trasmettere possa raggiungere la mente ed il palato di chi osserva.
Con esso ho deciso di condividere con gli altri la mia passione e spero di riuscire in modo semplice e chiaro di poter avvicinare anche chi non è particolarmente portato a questo straordinario mondo.
Molto spesso riguardando al passato ho pensato a come sarebbe stato il mio futuro se avessi intrapreso strade diverse o studi diversi, da ragazza sognavo di poter aprire un piccolo ristorante, ora mi piacerebbe aprire una pasticceria o un laboratorio.
Non credo di avere un piatto in particolare che preferisco sono decisamente una buona forchetta, mi piace tutto.
Tengo molto alla famiglia, ai valori e alle tradizioni della nostra terra, alla convivialità del momento del pasto, quindi se devo prediligere un piatto sicuramente potrebbero essere le lasagne, la pasta fatta in casa e i ripieni che in generale la fanno da padroni, ovviamente non deve mancare un buon dolce a fine pasto.
foodblog

La ricetta che dedico allo Chef teutonico è una crostata con crema pasticcera, amarene e ganache al cioccolato!
Ingredienti per la pasta frolla:
300 gr di farina debole
un uovo
150 gr di burro a temperatura ambiente
100 gr di zucchero
scorza grattugiata di limone
mezza bustina di lievito
un pizzico di vanillina
un pizzico di sale
NB: con queste dosi si possono realizzare tre crostate da 18 cm di diametro
per la crema pasticcera:
250 ml di latte
20 grammi di farina
75 grammi di zucchero
2 fettine di scorza di limone
un pizzico di vanillina
(queste dosi sono per una crostata)
per la ganache:
100 ml di panna
110 gr di cioccolato fondente
(queste dosi sono per una crostata)
Amarene sciroppate
Preparazione:
Lavorate in una boule il burro con lo zucchero, unite l’uovo la scorza di limone, il sale la vanillina e la farina. Amalgamate e trasferite il composto su di una tavola da impastare, formate una palla che metterete in frigorifero avvolta da una pellicola trasparente per almeno 30 minuti.
– Prepariamo la crema pasticcera:
Mettete a bollire il latte con la scorza di limone.
In una terrina mettete le uova con lo zucchero e lavorateli assieme, poi aggiungete la farina e mescolate. Se vedete che il composto risulta troppo compatto aggiungete tre o quattro cucchiai di latte caldo.
A questo punto versate il composto nel latte che avrà raggiunto il bollore, e mescolate continuamente fino a che non si sia addensata la crema dopo di ché levatela dal fuoco e trasferitela in una terrina, levate le scorze di limone, aggiungete il pizzico di vanillina e lasciatela intiepidire.
Per evitare che si formi sulla superficie la crosticina potete coprirla a contatto con la pellicola per alimenti oppure spolverarla con dello zucchero semolato, e riponetela in frigorifero.
Passato il tempo di riposo della frolla procedete a stenderla, mettete l’impasto nello stampo precedentemente imburrato.
Ponetevi sopra un foglio di carta da forno, riempite con dei fagioli (questa tecnica si chiama cottura alla cieca) e mettete in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 25 minuti. Quando i bordi saranno dorati levate la carta con i fagioli e continuate la cottura per circa cinque minuti in modo che anche la base completi la cottura.
Tenete sempre presente che ogni forno ha rendimenti diversi pertanto regolate la gradazione e i tempi in funzione della vostra esperienza.
Come specificato negli ingredienti utilizzerete solo la quantità necessaria per fare una crostata, l’impasto rimanente lo potrete utilizzare per successive crostate o realizzare anche dei biscotti.
Tolta dal forno lasciatela raffreddare prima di proseguire alla farcitura.
– A questo punto potete realizzare la ganache:
Mettete sul fuoco la panna e portatela a bollore dopo di che spegnete il fuoco ed aggiungete la cioccolata che avrete precedentemente tagliato a pezzi non troppo grossi, mescolate fino a che gli ingredienti non saranno ben amalgamati.
Lasciatela raffreddare a temperatura ambiente (potete anche metterla in frigo ma dovrete stare molto attenti a non farla indurire).
Una volta raggiunta la temperatura montatela con le fruste elettriche (ci vorrà un pochino di tempo in più rispetto a quando viene montata normalmente la panna).
Quando avrete montato la ganache trasferitela in una sacca da pasticceria con un beccuccio per decorare e ponetela nuovamente un pochino in frigo tenendola sempre d’occhio perché se si indurirà troppo non riuscirete più a decorare il dolce.
Stessa cosa farete per la crema una volta raffreddata trasferitela in una sacca da pasticceria senza beccuccio non è necessario.
– Avete ora tutto l’occorrente per assemblarla :
Prendete la base di frolla andate a mettere sopra la crema pasticcera, le amarene ed infine decorate con la ganache, riponete tutto in frigorifero potrete gustare il dolce dopo una mezz’ora dalla realizzazione.

foodblog1
Cordialmente
Giorgia
Cara Giorgia, che splendida ricetta, ho l’acquolina in bocca! Sei una forza, è stato un piacere leggerti e non smetterò di seguirti!
E voi? Che aspettate a linkarmi i vostri blog? Vi aspetto!

ALTRI ARTICOLI DA LEGGERE



Altri articoli interessanti:

2 commenti

Avatar
Giorgia 6 Dicembre 2014 - 10:18 pm

Grazie Chef per la pubblicazione e per le belle parole.
^____^

Reply
Avatar
Sergio Maria Teutonico 7 Dicembre 2014 - 11:35 am

E’ poca cosa amica mia,
ti stimo davvero tanto!
SMT

Reply

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ISCRIVITI ORA ALLA MIA NEWSLETTER!

Ricette, consigli, ebook gratuiti e molto altro!

Grazie per la tua iscrizione
 ne sono felice!!!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: