Cantuccini o biscotti alle mandorle

CANTUCCINI O BISCOTTI ALLA MANDORLA
di Sergio Maria Teutonico
Conosciuti come i biscotti di Prato, hanno in ogni comune delle province di Firenze, Pisa, Siena, una innumerevole serie di varianti. Da sempre sono stati accompagnati al vinsanto toscano. La ricetta originale prevede le mandorle ma potete tranquillamente sostituirle con quello che più vi piace, io li preparo anche ai pistacchi e al cioccolato e molto buoni sono quelli alle noci. La caratteristica dei cantuccini è quella di essere cotti due volte. In relatà tutto ciò che porta il nome di biscotti dovrebbe essere cotto due volte perché appunto bis-cotto.
 
cantucci (24)
Ingredienti (per 6 persone):
50g. burro
360g. zucchero
50g. tuorli d’uovo
100g. uova intere
scorza di arancia
450g. farina
10g. lievito in polvere
sale q.b.
160g. mandorle con buccia tostata
Miscelare insieme il burro, lo zucchero, i tuorli e le uova, la scorza di arancia, fino ad ottenere un impasto omogeneo e cremoso. Quindi aggiungere la farina, il lievito, il sale e in ultimo le mandorle. Lavorare bene il tutto e con l’impasto fare dei bastoncini tipo baguette di pane, di circa 4-5 cm di spessore.
Metterli su una placca da forno imburrata, spennellare le baguette con un uovo sbattuto con un pizzico di zucchero.
Infornare a temperatura moderata (circa 190 gradi) per circa 10 minuti. Una volta cotti, toglierli dalla teglia e tagliarli ancora caldi a fette. Disponete le fette sulla placca da forno con la cartaforno e fateli cuocere per altri dieci minuti circa a 170 gradi, in modo da biscottarli.

Commenti

Lascia una risposta
  1. Dopo che, giusto 10 anni fa a Firenze, mi fecero pagare dei cantucci a 35 €/kg mi corre sempre un brivido dietro la schiena ogni volta che sento parlare di questi biscotti….magari con la tua ricetta, Chef, mi passano i brividi!!

  2. Quanti ne vengono con queste dosi? Credo proprio che siano troppi per una infornata unica.. semmai l’impasto potrebbe riposare in frigo?

    • Ciao Debora. l’impasto che per la prima cottura è infornato come se fosse un “salame” entra tutto in una teglia da.forno senza bordi. Puoi infornare due volre se non ti senti tranquilla. Ĺ’impadto può aspettare anche qualche tempo prima di essere messo in cottura…. per ogni cosa sono qui a disposizione! SMT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricamento in corso …

0

Scritto da Sergio Maria Teutonico

Classe
1971, Consulente per la ristorazione, Executive Chef, Sommelier
professionista, esperto di analisi organolettica e scrittore di
successo.
E' nato a Milano nel 1971, città che lo ha visto muovere i suoi primi
passi in ambito enogastronomico.
Insegna nella sua scuola di cucina a Torino "La Palestra del Cibo" e negli
anni è stato protagonista di molti fortunati programmi televisivi tra
cui "Chef per un giorno" e "Colto e mangiato".

PUCCE SALENTINE ricetta

Lo Chef Teutonico e le Ladies di Radio Capital presentano: le pucce salentine!

tortino di zucca

Sformatini di zucca alla menta