Home Da sapere Cacio e pepe

Cacio e pepe
di Sergio Maria Teutonico
Oggi volevo proporvi una ricetta della tradizione, un piatto che ci invidiano in tutto il mondo, una delizia per il palato: la cacio e pepe. La cacio e pepe è, senza esagerare, una meraviglia. Pare che la “nascita” della cacio e pepe derivi dalla lunga conservazione del pecorino, della pasta secca e del pepe che i pastori portavano con loro nei lunghi viaggi. Effettivamente è una pasta povera ma non c’è dubbio sulla sua bontà, così come non c’è mai dubbio sulla bontà di ogni tipo di piatto povero.
La preparazione della cacio e pepe è semplice ma precisa, dovete amalgamare per bene e dosare l’acqua di cottura alla perfezione.
 
cacioepepe.jpg
Ingredienti:
320 g di spaghetti
250 g di pecorino
pepe nero in grani
Grattugiate finemente il pecorino e tritate grossolanamente con un coltello il pepe nero.
Lessate gli spaghetti in abbondante acqua salata.
In una ciotola capiente mescolate il formaggio con il pepe e, ad un minuto dallo scadere del tempo di cottura degli spaghetti scolateli avendo cura di mantenere da parte l’acqua di cottura.
Versate gli spaghetti sul condimento e mescolate energicamente, aggiungete q.b. di acqua di cottura per ottenere una cremina densa che leghi la pasta.

ALTRI ARTICOLI DA LEGGERE



Altri articoli interessanti:

5 commenti

Avatar
David 26 Febbraio 2015 - 2:20 pm

La cacio e pepe è la pasta ufficiale a casa mia quando si ritorna dalle vacanze estive a tarda notte!! Io però di solito utilizzo un po’ meno pecorino a persona (sui 35 g a persona) e prima di buttarci la pasta faccio una sorta di cremina con l’acqua di cottura della pasta stessa: faccio male?

Reply
Avatar
Sergio Maria Teutonico 27 Febbraio 2015 - 2:55 pm

Bella immagine David! La quantità di cacio è variabile concordo… l’importante è il risultato finale 😀
SMT

Reply
Avatar
mela67 26 Febbraio 2015 - 5:15 pm

Splendida ricetta… foto da urlo… 😛

Reply
Avatar
Sergio Maria Teutonico 27 Febbraio 2015 - 2:03 pm

Grazie da tutti noi! SMT

Reply
Avatar
Mari 26 Febbraio 2015 - 4:49 pm

Una ricetta magnifica!
La faccio spesso, seguendo la locuzione “melius abundare quam deficiere” 🙂

Reply

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

chiudi il popup

ISCRIVITI ORA ALLA MIA NEWSLETTER!

Ricette, consigli, ebook gratuiti e molto altro!

Grazie per la tua iscrizione
 ne sono felice!!!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: