Cacio e pepe

Cacio e pepe
di Sergio Maria Teutonico
Oggi volevo proporvi una ricetta della tradizione, un piatto che ci invidiano in tutto il mondo, una delizia per il palato: la cacio e pepe. La cacio e pepe è, senza esagerare, una meraviglia. Pare che la “nascita” della cacio e pepe derivi dalla lunga conservazione del pecorino, della pasta secca e del pepe che i pastori portavano con loro nei lunghi viaggi. Effettivamente è una pasta povera ma non c’è dubbio sulla sua bontà, così come non c’è mai dubbio sulla bontà di ogni tipo di piatto povero.
La preparazione della cacio e pepe è semplice ma precisa, dovete amalgamare per bene e dosare l’acqua di cottura alla perfezione.
 
cacioepepe.jpg
Ingredienti:
320 g di spaghetti
250 g di pecorino
pepe nero in grani
Grattugiate finemente il pecorino e tritate grossolanamente con un coltello il pepe nero.
Lessate gli spaghetti in abbondante acqua salata.
In una ciotola capiente mescolate il formaggio con il pepe e, ad un minuto dallo scadere del tempo di cottura degli spaghetti scolateli avendo cura di mantenere da parte l’acqua di cottura.
Versate gli spaghetti sul condimento e mescolate energicamente, aggiungete q.b. di acqua di cottura per ottenere una cremina densa che leghi la pasta.

Commenti

Lascia una risposta
  1. La cacio e pepe è la pasta ufficiale a casa mia quando si ritorna dalle vacanze estive a tarda notte!! Io però di solito utilizzo un po’ meno pecorino a persona (sui 35 g a persona) e prima di buttarci la pasta faccio una sorta di cremina con l’acqua di cottura della pasta stessa: faccio male?

    • Bella immagine David! La quantità di cacio è variabile concordo… l’importante è il risultato finale 😀
      SMT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricamento in corso …

0

Scritto da Sergio Maria Teutonico

Classe
1971, Consulente per la ristorazione, Executive Chef, Sommelier
professionista, esperto di analisi organolettica e scrittore di
successo.
E' nato a Milano nel 1971, città che lo ha visto muovere i suoi primi
passi in ambito enogastronomico.
Insegna nella sua scuola di cucina a Torino "La Palestra del Cibo" e negli
anni è stato protagonista di molti fortunati programmi televisivi tra
cui "Chef per un giorno" e "Colto e mangiato".

maltagliati alle mele

Maltagliati alla mela e maiale

soufflè al formaggio

Lo Chef Teutonico e le Ladies di Radio Capital presentano: soufflé al formaggio!