Ricetta facile: Bomboloni fritti senza glutine

Bomboloni fritti senza glutine

di Sergio Maria Teutonico

Forse chi soffre maggiormente nell’avere un’intolleranza alimentare è la categoria dei golosi, per questo mi piace sperimentare ricette senza glutine che siano goduriose come ad esempio i bomboloni fritti. E c’è di più, ovviamente si tratta di bomboloni senza glutine.

Essere intolleranti al glutine, oggi, non significa più dover rinunciare a tutto, è vero che non i tutti i ristoranti o le pasticcerie preparano qualcosa di adatto ma è anche vero che possiamo preparare tutto ciò che vogliamo in casa senza difficoltà.

Io vi spiego come preparare l’impasto, voi decidete se mangiarli così o se farcirli con una crema pasticcera classica o al cioccolato oppure con della confettura.

Bomboloni fritti senza glutine

Ingredienti per circa 50 pezzi:

  • 1080 g di farina senza glutine (per pane e paste lievitate)
  • 540 ml di acqua gassata
  • 180 g di zucchero
  • 180 g di burro
  • 100 g di lievito di birra
  • 3 uova
  • la buccia grattugiata di 2 limoni
  • essenza di vaniglia
  • un pizzico di sale
  • Olio per friggere

Dividere l’acqua in due contenitori, in uno sciogliere il sale, nell’altro il lievito.
In una ciotola mettere la farina, lo zucchero, l’essenza di vaniglia, poi aggiungere l’acqua con il sale e mescolare.

Mettere quindi l’uovo, l’acqua con il lievito, la scorza di limone ed incorporare il tutto.

Infine aggiungere il burro fuso e quando è ben amalgamato mettere l’impasto sul piano di lavoro.

Lavorare bene, finché l’impasto non risulti liscio e morbido.
È necessaria altra farina per finire di impastare, cercare tuttavia di usarne poca affinché l’impasto resti morbido.

Spianare e tagliare i bomboloni nella forma desiderata, depositarli non troppo vicini tra di loro su un vassoio ricoperto da carta forno.

Coprire quindi con un panno di cotone e adagiarvi sopra della pellicola, far lievitare in luogo caldo per circa un’ora e mezza (attenzione, devono gonfiare ma non raddoppiare).

Quando sono ben gonfi, friggere in olio di semi di arachide e mettere a scolare su carta assorbente.

Passare dunque nello zucchero.

Servire possibilmente caldi o tiepidi e se vi piace potete farcirli con della crema pasticcera usando una sac a poche con la boccuccia a siringa o una siringa per riempire i dolci.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricamento in corso …

0

Scritto da Sergio Maria Teutonico

Classe
1971, Consulente per la ristorazione, Executive Chef, Sommelier
professionista, esperto di analisi organolettica e scrittore di
successo.
E' nato a Milano nel 1971, città che lo ha visto muovere i suoi primi
passi in ambito enogastronomico.
Insegna nella sua scuola di cucina a Torino "La Palestra del Cibo" e negli
anni è stato protagonista di molti fortunati programmi televisivi tra
cui "Chef per un giorno" e "Colto e mangiato".

le immagini del tuo ristorate sui social

Immagine del tuo ristorante, come migliorarla sui social

calcolare correttamente le quantità per un buffet nel servizio catering

Le quantità necessarie quando si pianifica un servizio catering